Home » L’autore

L’autore

Molti amici mi hanno consigliato di inserire nel sito – come d’uso – una presentazione del sottoscritto in quanto autore. La mia riluttanza nasce dall’idea che i contenuti devono parlare da sé, e che la loro identificazione con chi li ha espressi condiziona necessariamente il giudizio che possono evocare. E’ fatale, dobbiamo classificare, mettere etichette, inquadrare nelle nostre categorie mentali. Il fatto che un’idea possa essere sensata, anche se chi l’ha espressa è ritenuto un idiota, o al contrario una stupidaggine resti tale, pur esternata da qualcuno che ha fama di luminare, non è troppo considerato nel modo di pensare della maggioranza delle persone. Ci hanno abituato a dar valore alla fonte del concetto, anziché alla sua maggiore o minore coerenza. Tanti soldatini, per cui se parla il generale è sempre la verità, e il commilitone è comunque un cretino. Cerchiamo Dio nei ruoli e nei titoli, ignari del fatto che chi li assegna sono le banche, per il proprio tornaconto, e praticamente mai il merito oggettivo. Siamo succubi dell'”autorità”, quando naturalmente ogni essere umano ha pari autorità. E’ la chiave della schiavitù in cui ci tengono, che rende vana ogni speranza di progresso. Sono un medico, che da ragazzo ha scelto di fare il meglio possibile un mestiere interessante. Mi occupo di malattie autoimmuni, e in questo campo ho avuto un grande maestro. Ma quando, qualche tempo fa, ho quasi per caso capito quanto le idee che mi avevano inculcato e i metodi che mi erano stati insegnati non fossero adeguati ai fenomeni che avevo osservato in trent’anni di lavoro coi malati, fare il meglio possibile ha significato intraprendere un percorso di revisione a tutto tondo del mio ruolo, e dei concetti su cui si basava. Ho preso coscienza di essere, pur con tutto il mio impegno e i valori etici che lo animavano, poco più che un manutengolo delle banche. Ero consapevole che la medicina fosse anche mercato. Ho invece capito che è solo mercato. Pensavo che la visione che rappresentava, frutto di secoli di studi di menti brillantissime, fosse espressione di vera conoscenza. Ne ho visto con chiarezza la superficialità, l’approssimazione, i contenuti di menzogna. Che non a caso sono gli strumenti tipici del mercato. Mi son reso conto della portata dell’inganno. Che quasi tutto quello che passa con l’etichetta di scientifico nel migliore dei casi è solo presunzione. E che, per arrivarci, bastava il buon senso di un bambino di tre anni, se non ci fosse stata la barriera dell’ipnosi, cui siamo sottoposti da che siamo al mondo, da tutti gli “educatori” che incontriamo. Ho avuto chiaro il senso della malattia, quanto fosse importante l’intelligenza della biologia, come le cose essenziali non me le avesse insegnate nessuno. Ma l’esperienza, tutto quello che avevo visto in tanti anni senza coglierne l’essenza, quella rimaneva, ed era un patrimonio prezioso per avere tutti i riscontri di una nuova visione. Le idee che ho maturato sono i contenuti di questo sito. Che implorano conferme, correzioni, precisazioni da parte di chi sa: tutti i suoi lettori. Per l’importanza che può avere, mi chiamo Antonio Piga. L’unico titolo a cui un po’ tengo è questa testimonianza del mio maestro.

Scroll Up
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi la pagina "Tutela della privacy"

Chiudi